Facebook, come modificare gli stati

di Giovanni Biasi Commenta

facebook modificare stati

Facebook è ormai usato da un numero incredibile di persone. Report di qualche mese fa parlavano di qualcosa come un miliardo di utenti iscritti, e si tratta di numeri costantemente in crescita. Di conseguenza, vi lasciamo immaginare quanti elementi, tra immagini, video, commenti e stati, compaiano ogni giorno sul social network. Siamo nell’ordine dei miliardi. Ultimamente, il colosso delle piattaforme sociali ha introdotto una interessante funzione, stranamente assente fino ad oggi: la modifica dei propri stati. Sì, avete letto bene: prima era impossibile modificare uno stato, e in caso di refusi o altri errori bisognava cancellarlo e riscriverlo (chi sta sempre ben attento alla propria grammatica sa molto bene di cosa stiamo parlando). Ma adesso le cose cambiano sensibilmente.

Dicevamo, grazie ad un aggiornamento silenzioso degli ultimi giorni, adesso è possibile modificare i propri stati. Per farlo, è sufficiente cliccare sulla freccetta verso il basso collocata nell’angolo in alto a destra dell’elemento che volete modificare: apparirà un menu a tendina. Lì, cliccate Modifica, effettuate tutte le correzioni che volete, e date l’ok. Il vostro stato sarà ora modificato e apparirà nella sua nuova forma.

Per evitare incomprensioni ed equivoci (“no ma guarda che io ho sempre scritto così”), è ovviamente disponibile la cronologia delle modifiche, un po’ come succede già da tempo con i normali commenti. Cliccandoci, è possibile visualizzare tutte le modifiche che hanno coinvolto lo stato, compresa chiaramente la versione originale di esso. Quindi, ragazzi, ci dispiace, ma quegli stati imbarazzanti che avete pubblicato tre o quattro anni fa, quando ancora Facebook non era così popolato e si scriveva in terza persona, dovete proprio cancellarli, se non volete che vengano letti, e non c’è modifica che tenga.

Ad ogni modo, si tratta di un’introduzione interessante di una funzione inspiegabilmente assente in precedenza. In fondo chiunque dovrebbe avere sempre modo di modificare ciò che scrive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>