Come approfondire la storia dell’obsolescenza programmata con Apple e Samsung

di Gio Tuzzi Commenta

Tutti i dettagli del caso per capire come approfondire la storia dell'obsolescenza programmata con Apple e Samsung, stando alle ultime notizie trapelate

Obsolescenza programmata
Obsolescenza programmata

Emergono alcuni dettagli molto interessanti a proposito di un argomento che ha tenuto banco in questi giorni, vale a dire quello dell’obsolescenza programmata imputata a Apple e Samsung, con multe rispettivamente di 10 e 5 milioni di euro dopo le ultime novità trapelate in Rete.

Giunti a questo punto non possiamo fare altro che mostrarvi quanto riportato dall’Antitrust, in modo da avere le idee più chiare sulle reali ragioni per le quali Apple e Samsung siano state sanzionate per obsolescenza programmata:

“Ad esito di due complesse istruttorie,  l’AGCM ha accertato che le società del gruppo Apple e del gruppo Samsung hanno realizzato pratiche commerciali scorrette in violazione degli artt. 20, 21, 22 e 24 del Codice del Consumo in relazione al rilascio di alcuni aggiornamenti del firmware dei cellulari che hanno provocato gravi disfunzioni e ridotto in modo significativo le prestazioni, in tal modo accelerando il processo di sostituzione degli stessi. Tali società hanno, infatti, indotto i consumatori – mediante l’insistente richiesta di effettuare il download e anche in ragione dell’asimmetria informativa esistente rispetto ai produttori – ad installare aggiornamenti su dispositivi non in grado di supportarli adeguatamente, senza fornire adeguate informazioni, né alcun mezzo di ripristino delle originarie funzionalità dei prodotti”.

Staremo a vedere se ci saranno effetti dopo la doppia multa che è giunta a fine ottobre per Apple e Samsung a proposito dell’obsolescenza programmata. Anche sui prezzi dei rispettivi modelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>