Come vedere foto private su Facebook

di Giovanni Biasi Commenta

Scommettiamo che almeno l’80% di voi che state leggendo questo articolo, ha cercato almeno una volta un modo per vedere le foto private su Facebook. Il noto social network, infatti, è riuscito a rappresentare negli anni una fonte inesauribile di “fatti degli altri”, e sono sempre di più le persone che vorrebbero accedere ad un profilo segretamente, senza dover chiedere l’amicizia. Ma ciò non viola la privacy della persona? Forse, dipende da moltissime cose.

Oggi siamo qui per raccogliere una serie di applicazioni e soluzioni per visualizzare le foto private all’interno del social network di Zuckerberg, tenendo comunque ben in considerazione che, almeno per il momento, sembrano non funzionare, specialmente dopo il rinnovo del sistema della visuallizzazione immagini. Potrebbe essere, ad ogni modo, che questi stessi metodi, aggiornati a dovere dai produttori, tornino magicamente a funzionare al meglio in futuro.

Cominciamo da Foto Stalker, una delle applicazioni più semplici ma al contempo meglio riuscite: basta installarla sul proprio profilo ed accedervi, perché vi verrà offerta una comoda barra su cui scrivere nome e cognome della persona di cui vorreste vedere le foto. Se va tutto per il meglio, basta aspettare qualche secondo perché siano disponibili le foto private (o alcune di esse) dell’utente in questione.
Segnaliamo il fatto che l’applicazione sia anche disponibile come plugin per Firefox.

Un’altra applicazione che dovrebbe permettere di visualizzare le foto private è poi Info+, software tutto italiano che nonostante non sia in funzione ormai da molto tempo, sembra dover godere presto di un corposo aggiornamento.

Altre soluzioni analoghe, ma meno riuscite in fatto di precisione, sono Seegugio, Seeinguy e Ver albumes de fotos. Parlando di quest’ultimo, nello specifico, gli sviluppatori assicurano che tornerà a brevissimo tempo con una nuova versione che funzionerà meglio di quella attuale.

Ripetiamo, a scanso di equivoci, che non assicuriamo la corretta riuscita delle suddette soluzioni, e vi invitiamo a tenere ancora d’occhio le nostre pagine per saperne di più appena si muoverà qualcosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>