Forex : Analizziamo La Serie Di Fibonacci

di Redazione Commenta

Leonardo Fibonacci era un grande matematico che visse nell’XIII secolo e che, nell’intento di trovare una legge che spiegasse la crescita di una popolazione di conigli, elaborò quella che viene appunto chiamata Serie di Fibonacci. Si tratta di una serie di numeri in cui ogni numero è la somma dei due numeri precedenti, avremmo quindi una successione di questo tipo: 1, 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, 89, 144, 223 e così via.

La Serie di Fibonacci è diventata sempre più famosa perchè la si può ritrovare in svariati campi, compreso proprio quello del forex, in cui molti traders la utilizzano per identificare i livelli di supporto e di resistenza per poter poi aprire le posizioni. Chiaramente non fornisce sicurezze di nessun tipo, ma può dare un grande aiuto nella previsone delle tendenze di mercato.

Nel forex queste due serie di numeri: 0, 0.236, 0.382, 0.500, 0.618, 0.764 / 0, 0.382, 0.618, 1.000, 1.382, 1.618. La prima serie rappresenta i livelli di rintracciamento del prezzo e serve a rintracciare i supporti e le resistenza, mentre la seconda rappresenta i livelli di estensione del prezzo, ovvero i livelli di prezzo a cui si può arrivare.

Per capire quando utilizzare la serie di Fibonacci è necessario individuare le oscillazioni, in quanto si può usare in presenza di oscillazioni alte e basse. Per rintracciare le oscillazioni ci serviamo dei grafici; se vediamo due barre basse con al centro una barra alta si parla di oscillazione alta, detta high swing, viceversa se vediamo due barre basse con al centro una barra alta si parla di oscillazione bassa, detta low swing.

Fatto ciò tracceremo una linea sul grafico che congiunge l’oscillazione alta a quella bassa, dopodichè sarà un software presente ormai su tutte le piattaforme di trading a preoccuparsi di attivare i numeri della sequenza da utilizzare poi per seguire la tendenza del mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>