NTFS, la dimensione dei cluster di un hard disk

di Michele Costanzo Commenta

NTFS data cluster
NTFS è attualmente il il file system più comunemente utilizzato dai sistemi operativi Windows. NTFS è in grado di gestire lo spazio sui dischi rigidi in maniera efficiente e sicura e può operare su unità di allocazione, o data cluster, di diverse dimensioni traendone opportuni vantaggi.

Senza entrare nel tecnico una unità di allocazione o cluster è la minima quantità di spazio che può essere utilizzata per rappresentare un file. Un singolo file può quindi occupare uno spazio minimo pari ad un cluster e comunque sempre multiplo di quest’ultimo. Proviamo a comprendere meglio la questione con un esempio. Creiamo con Blocco Note un nuovo file di testo con una breve frase. Ora clicchiamo con il pulsante destro del mouse sul file e scegliamo la voce “Proprietà”. Windows mosterà per il file due diverse grandezze (v. immagine): “Dimensioni” indica l’effettiva dimensione del file (pochi byte in questo caso), “Dimensioni su disco” indica lo spazio fisicamente riservato sul disco, un valore che sarà sempre multiplo intero della dimensione del cluster e che in questo caso è proprio pari a 4 KB.

Come dicevamo, e come spiega la stessa Microsoft, NTFS può gestire cluster di diversa dimensione. Da Windows 2000 in poi la dimensione predefinita dei cluster per il file system NTFS è di 4 KB per gli hard disk fino a 16 TB. In fase di formattazione ma anche attraverso alcune utility per la gestione del disco è possibile cambiare la dimensione dei cluster utilizzati in NTFS.

Come abbiamo visto per file di piccole dimensioni un cluster più grande aumenta lo “spreco di spazio”. Ne segue che se i file da gestire sono in maggioranza di piccole dimensioni converrebbe ridurre la dimensione dei cluster.

D’altro canto cluster più piccoli determinano anche effetti negativi: aumenta infatti lo spazio che il file system NTFS dovrà dedicare ai codici di correzione ed aumenta il fenomeno della frammentazione dovuto al fatto che uno stesso file può occupare un maggior numero di cluster. In questo senso quindi in hard disk in cui sono collocati principalmente file di “grandi dimensioni” potrebbe essere conveniente avere cluster più grandi.

Allo stato attuale cluster di 4 KB per NTFS sono probabilmente ancora il compromesso migliore ma con il crescere delle dimensioni degli hard disk la questione potrebbe cambiare. Per chi volesse approfondire il tema con un taglio più tecnico suggeriamo la lettura di questo articolo sul sito di Seagate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>