Web Hosting : Prezzo, Dominio Ed Estensioni

di Redazione Commenta

Il fattore prezzo : lo scoglio immancabile di ogni progetto. Esaminiamolo.

Il tipo di server, lo spazio fisico dove ospitare le pagine web, la banda a nostra disposizione ecc. sono tutte caratteristiche fondamentali di un servizio hosting.
Quest’ultime però, rappresentano la parte “tecnica” di un servizio di web hosting, e dunque la parte più tecnica per quanto riguarda la creazione di un sito.

web hosting

Non dimentichiamo però, che l’utente che vorrà visitare e navigare nel nostro sito, lo raggiungerà attraverso un apposito indirizzo. Questo indirizzo è scelto dal web designer, con la registrazione di un “DOMINIO”.

Web Hosting : Cos’è Il Dominio

Il dominio và visto come una sorta di “maschera”.
I siti internet infatti, sono fisicamente individuati attraverso degli indirizzi IP, come qualsiasi componente locato in una rete.
Dato che però, sarebbe scomodo e sgradevole dover ricordare un indirizzo IP per ciascun sito web, invece di un nome, si utilizza un indirizzo, un dominio appunto. (Immaginiamo di dover digitare un indirizzo IP come 192.168.0.0 per visitare Google, invece di digitare semplicemente www.google.it).
Quando un utente richiede di visitare, attraverso il proprio browser, un certo indirizzo; però, il DNS dell’Internet Service Provider si occupa di “trasformare” l’indirizzo, il dominio digitato nell’indirizzo IP corrispondente.

Web Hosting : I Livelli Del Dominio

Ovviamente non tutti i domini sono “uguali” (e non tutti hanno lo stesso prezzo).
La prima distinzione da effettuare è il “livello” del dominio.
In internet, i livelli più utilizzati sono i domini di secondo e terzo livello.
I domini di secondo livello si presentano nella forma www.nomesito.it, mentre quelli di terzo livello nella forma www.nomesito.nomehost.it .
Ovviamente, i domini di secondo livello sono più brevi e più facili da ricordare, pertanto sono quelli più richiesti, ma anche più costosi.
Quelli di terzo livello, sono invece quelli più economici, a volte forniti anche gratuitamente dai servizi di hosting, ma solitamente, sottintendono una “dipendenza” da un altro sito, o da un’altra organizzazione ecc.

Se ad esempio, un’azienda di nome “INFORMATICA”, ha il proprio portale sul web, e questa azienda ha un particolare settore, chiamato PRODUZIONE, avente una precisa sezione sul portale dell’azienda; molto probabilmente l’indirizzo del settore produzione sarà www.produzione.informatica.it; esprimendo appunto che il reparto è parte dell’azienda informatica.
Allo stesso modo, quando i servizi di hosting gratuiti offrono domini di secondo livello, lo fanno affinché nell’indirizzo del dominio compaia il nome dell’hosting (una sorta di pubblicità).

Web Hosting : Quale Estensione Scegliere Per Il Proprio Dominio

La seconda distinzione si evince nella parte finale dell’indirizzo, il dominio vero e proprio: .it, .com, .eu ecc..
Spesso si pensa che quest’ultimo dipenda SOLAMENTE dalla nazionalità (o a volte, dall’internazionalità) del sito, ma non è precisamente cosi.
Al momento della registrazione del dominio, infatti, un webmaster ITALIANO, può decidere di scegliere un dominio .it, ma anche .eu (europeo) o .com .
La differenza è puramente “visiva”, d’impatto, tuttavia i domini .com sono SOLITAMENTE più costosi rispetto ai domini .eu e .it (e in alcuni casi i domini .eu possono essere anche più costosi rispetto ai domini .it) .

Inoltre, negli ultimi anni sono nati domini assolutamente svincolati dalla nazionalità!
Ad esempio, il dominio .tv è solitamente utilizzato da siti che sono legati a show televisivi ecc; .info da siti che offrono informazioni su qualche argomento; .org da portali di organizzazioni.

Ovviamente, al momento della registrazione il dominio deve essere disponibile, cioè non registrato da nessun altro; in quanto i domini proprio come i numeri di telefono sono unici e univoci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>