Google : Problemi Per Le Norme Antitrust

di Francesca Manzari Commenta

Certo una giornata da dimenticare per il colosso america Google che dopo la sentenza di Milano che ha condannato a sei mesi di reclusione tre dei suoi maggiori esponenti nella sezione Google Italy è ora l’obiettivo principale nel mirino dell’Unione Europea.

L’Antitrust ha infatti aperto un’indagine atta a verificare se Google faccia o meno uso di mezzi anticoncorrenziali per sfavorire i suoi concorrenti. La sua più che presunta posizione dominante nel settore della ricerca online e della pubblicità sul web fa di BigG un grande sospettato. Attualmente Google controllo in Europa il 90% del mercato pubblicitario online, più di quanto avvenga negli USA, ed è proprio questo dato che ha messo in allarme la Comunità Europea che ora deve indagare su quanto questa posizione predominante penalizzi gli altri concorrenti che certo non rimangono a guardare anzi ultimamente stanno correndo ai ripari creando tra di loro nuove alleanze atte a scalfire l’incontrastato perdominio della compagnia Mountin View.

E’ stato lo stesso Google a rivelare attraverso una nota ufficiale sul blog dell’azienda, l’apertura dell’inchiesta che è stata aperta già un paio di settimane fa ma che non ha portato ancora a nulla per il momento. Google ha cercato si sminuire la situazione dichiarando che questo tipo di controlli sono di routine per tutte le grandi aziende che operano e sono popolari in più parti del mondo. In fondo è la prima volta che una cosa simile succede qui in Europa ma in realtà Google è già abbastanza abituato a questo tipo di controlli avendo già subito in passato procedure antitrust su entrambe le sponde dell’Atlantico.

Stando a quanto affermato da Google l’attenzione dell’UE è scattata in seguito a tre denuncie depositate sul portale di comparazione prezzo britannico Foundem e dal sito e-commerca di proprietà di Micorsoft. L’accusa è diretta all’algoritmo di ricerca Google che pensalizzerebbe questi portali confinandoli a una posizione di fondo nella lista proposta agli utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>