Proteggere cartelle e file senza usare alcun programma: il tutorial

di GM Commenta

Nel caso in cui abbiate un pc in condivisione con il vostro coinquilino, piuttosto che con un amico oppure la propria compagna o il proprio compagno, ci può essere l’esigenza di tutelare una serie di cartelle personali. Ebbene, spesso e volentieri, per tale ragione, si richiede l’uso di specifici programmi, ma in realtà c’è anche il sistema per poter raggiungere lo stesso obiettivo senza usufruire di alcun tipo di software particolare. Proviamo a capire meglio, quindi, come tutelare al massimo la propria privacy senza usare alcun tipo di programma. Il primo passo è quello di partire dal sistema operativo maggiormente utilizzato, che è Windows.

creare cartelle preferite

Una delle possibili soluzioni può corrispondere al fatto di nascondere una cartella di file, attività che può essere svolta anche usando direttamente gli strumenti messi a disposizione di default da parte di Windows 11. È abbastanza facile intuire come non sia sufficiente nascondere la cartella, ma si dovrà collocare anche in un punto in cui nessuno potrebbe andare a cercarla.

Per poter nascondere in maniera efficace una cartella su Windows, in realtà il procedimento da seguire è decisamente semplice, visto che è sufficiente fare un click con il tasto destro del mouse sulla cartella e poi un click con il tasto sinistro su Proprietà dal menu a tendina che si apre. A questo punto andate su “Generale” e poi sull’opzione “Nascosto”, per poi fare un click su “Applica” e dare “ok”. In questo modo, la directory tenderà a sparire del tutto dalla propria visita e, per potervi accedere, sarà necessario fare in modo che la cartella diventi nuovamente visibile. Per quest’ultima attività, bisogna recarsi su “Risorse del computer” e poi cliccare su “Visualizza” e, infine, fare un altro click sull’opzione “Mostra elementi nascosti”. Su Windows 11, però, la procedura è leggermente diversa, dal momento che si deve fare un click su “Visualizza”, mentre per eseguire l’accesso a tutti quegli elementi che sono stati nascosti, si dovrà fare click prima su “Mostra”.

Esiste un piccolo accorgimento che può tornare utile per individuare la cartella nascosta, ovvero effettuare il contrassegno di file e cartelle come sistema. Così facendo, la procedura per poterle vedere sarà molto più complicata.

Altrimenti, un’altra soluzione è legata al fatto di andare ad apportare delle modifiche ai permessi di lettura oppure di scrittura di file e cartelle. Così facendo, tali dati e file non possono essere consultati e modificati da tutti quegli utenti che non sono il proprietario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>