Sony : Lancia Una Versione Demo Che Si Autodistrugge

di Francesca Manzari Commenta

Sembra la scena celebre di moltissimi film di spionaggio o polizieschi in cui alla fine di un messaggio registrato su cassetta o videocasetta, una voce fuori campo aggiunge “questo messaggio di autodistruggerà in 10 secondi”. E invece non c’è niente di finso è tutto vero, la bizzarra e originale idea viene dal colosso nipponico della produzione anche di videogiochi ovvero Sony.

Pare il leader Giapponese abbia depositato non molte ore fa presso l’ufficio dei brevetti e marchi degli Stati Uniti un’idea molto originale relativa ad una demo illustrativa dei videogiochi. Il software di dimostrazione in questione dal principio presenta tutte le caratteristiche di una normale versione definitiva ma con il passare del tempo questo perde funzioni e qualità pian piano si deteriora fino ad autodistruggersi definitivamente.
Per esempio le armi utilizzate dagli eroi o eroine dei nostri videogiochi andranno pian piano logorandosi fino a non funzionare più.

Questo software pare che verrà poi applicato anche ai file video e audio ma per il momento è una cosa che rigurda solo i videogiochi.

Questa messa in atto ha un obiettivo ben preciso, Sony vuole spingere gli utenti ad acquistare dopo un pò di tempo la versione definitiva dei giochi. Certo per ora è solo un progetto ma se le cose dovessero andare avanti si proporrebbe poi il problema delle dimensioni del download che gli utenti dovranno effettuare visto che la presenza di più contentuti potrebbe rendere questi demo più grandi di quelli tradizionali.

Certo anche se non sappiamo se davvero vedremo questo messaggio autodistruttibile sulle nostre console bisogna ammettere che la cosa incuriosisce davvero tanto e che comunque è un ottimo modo per impedire alla persone di giocare sempre con la versione di prova incrementado così le vendite delle versioni definitive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>