Spyware: Zango

di Redazione Commenta

Uno spyware è un software che raccoglie informazioni riguardanti l’attività online di un utente senza il suo consenso, trasmettendole tramite Internet a un’organizzazione che le utilizzerà per trarne profitto, il termine spyware è usato per definire un’ampia gamma di malware, ciò che uno spyware causa è l’invio di pubblicità non richiesta (spam), la modifica della pagina iniziale.

Gli spyware costituiscono una minaccia per la privacy dell’utente, questa categoria di malware porta con sé delle conseguenze sul funzionamento del computer su cui sono installati. I danni vanno dall’utilizzo esagerato di banda della connessione ad Internet, con conseguente riduzione della velocità sia della navigazione e sia del computer stesso poiché vi sono dei processi in esecuzione che rallentano anche la CPU (Central Processing Unit).


La nuova frontiera degli attacchi alla sicurezza informatica sembra che siano diventati i siti di Social Network. Una nuova minaccia sta mettendo in crisi il popolare sito Facebook, che permette di condividere con amici di tutto il mondo esperienze e idee.
La potenziale vittima riceve un’e-mail in cui è notificato che un amico è interessato a una conoscenza più approfondita. Per scoprire l’identità della persona, si è invitati a scaricare dalla piattaforma un widget malevolo. Scaricando il programma, il sistema è infettato dallo spyware Zango.
Poiché minacce malware continuano a evolversi sfruttando i siti di social network, è di vitale importanza che i consumatori prendano le necessarie precauzioni per proteggere la loro privacy e identità online.

Zango.exe è un programma di pubblicità. Questo processo riflette le abitudini di ricerca a scansione e distribuisce i dati di nuovo ai server dell’autore per l’analisi. Come ad esempio la pubblicità dei pop up. Questo processo è un rischio per la sicurezza e dovrebbe essere rimosso dal sistema con dei tool adatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>